Dino Vitola Management

Il tormentone estivo è servito!

261

Inizia la caccia al tormentone estivo…

Inizia la corsa sfrenata al tormentone estivo.

Pensiamoci un attimo, il tormentone estivo è sempre esistito, pronto a far ballare e cantare l’Italia intera sotto gli ombrelloni.

Quest’anno, però, visto il lockdown che ha bloccato tutti, c’è voglia di ripartire, ricominciare, e tanti calcano la mano su questa voglia di libertà.

Il caso più esemplare è quello di Alessandra Amoroso che ritorna dopo un anno ancora una volta in coppia con i Boomdabash, ancora una volta con un tormentone. Da lei vorremmo vedere qualcosina in più, nel senso che la stimiamo immensamente e non vorremmo che finisse con lo stesso meccanismo di Giusy Ferrari o Baby K: un singolo all’anno e d’estate.

Perché poi a finire nel calderone basta poco, i diritti siate aumentano, certo, certo, ma la propria qualità viene svenduta al mercato del singolo estivo.

È una scelta che si fa, e per rimanere in carreggiata, visto le continue evoluzioni, ogni gioco vale la candela ma non per tutti, c’è chi ancora non si svende a questo giochino.

L’assortimento è ampio, prima erano più canzoni straniere ad invadere le nostre radio ora sono proprio i nostri cantanti a creare canzoni ad hoc per l’estate. Le tematiche sono sempre le stesse e il ritmo reggeaton diventa l’amplesso perfetto fra il cantante e gli ascoltatori.

Nell’età dove anche il formato cd ha perso consistenza, l’album di 10, 12 canzoni non è più contemplato, la gente ha poca voglia di ascoltare e più di sentire un sottofondo per le sue estati o i suoi momenti di gioia. Ci trasciniamo verso un lento declino musicale.

Benvenuti nell’estate 2020.

IlFolle

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.