Dino Vitola Management

“La mia vita presto in un libro in due parti”

250

Intervista a Dino Vitola….

Intervista fatta da NextStopReggio

Vitola, partiamo dalle sue collaborazioni di grande manager delle star: quali le hanno dato particolari soddisfazioni?
Certamente Vasco, ma anche Zucchero, Laura Pausini è anche tutti gli altri. A un personaggio sono legato particolarmente anche da affetto e amicizia ed è Claudio Cecchetto. Altri miei amici rappresentati Lino Banfi, Gigi Sabani e Pippo Baudo. Da non dimenticare Raffaella Carrà, Renato Zero e Jovanotti grandi artisti. Chiedo scusa a tutti i non citati, ma l’intervista ha altre domande:)

Vasco Rossi in un’intervista disse che i primi tempi quando veniva a Roma per i concerti lei non aveva tempo di incontrarlo. Cioè, lei non aveva tempo per Vasco?!
Su Vasco ci sarebbe tanto tanto da dire, ma dico soltanto che sono la sua “Vitola spericolata” come da sua definizione. 

Può definirci in due parole Laura Pausini?
Laura è stata sempre una ragazza decisa e precisa. Una bellissima persona e grande artista. Aveva e ha alle spalle una sana e meravigliosa famiglia, molto importante nel fragile lavoro della musica.

Lei fondò insieme a Claudio Cecchetto “Castrocaro”.
Castrocaro è stata la mia creatura a cui ho più creduto e dato. Da quel mio lavoro sono venuti fuori tanto artisti, oggi dei campioni. Solo per citarne qualcuno: Ramazzotti, Zucchero, Mannoia, Nek, 883, Laura Pausini, Baglioni… e tantissimi tanti altri.

Continua a mantenere rapporti con i vip ai quali ha fatto da manager?
Con molti di loro continua ad esistere un sano rapporto di amicizia e lavoro. Con tutti sono rimasti grandi rapporti.

Lei frequenta Sanremo dagli anni ’80. Com’è cambiato il festival in questi anni?
Il festival è cambiato e cambierà sempre per convogliare il meglio del meglio della musica. Sanremo è come il vino: ci sono annate speciali ed annate normali.

E la musica italiana? Cosa andrebbe a suo avviso modificato?
La musica italiana si è un po’ “Europeizzata”, a volte forse troppo spesso imitiamo nei suoni gli inglesi. Sicuramente andrebbe modificato il suono ed i testi delle canzoni.

Cosa pensa dei talent scout di oggi?
Oggi non ci sono “talent scout di oggi”, siamo tutti di ieri, e ancora riusciamo a costruire personaggi e successi. 

Come identifica oggi un talento musicale?
Oggi con i talent molti vengono da queste manifestazioni. Personalmente preferisco ancora andarli a scovare in giro per l’Italia. È un mio vecchio format che ancora funziona. 

E’ stato visto più volte a Reggio Emilia negli ultimi tempi. Nuovo talento in vista?
Eh già.. in Emilia ho trovato il meglio che ancora nessuno riesce a battere. VASCO. Reggio Emilia è da sempre la mia preferita. Presto qui in città succederà qualcosa di meravigliosamente diverso.  

E’ vero che a breve uscirà un libro dove raccontata la sua esperienza di manager con aneddoti e curiosità dei personaggi di successo?
Si, sto finendo di scriverlo. Nel libro racconto tutte le curiosità, i fatti, i personaggi di successi. Il titolo? Il titolo già lascia immaginare tutto. Si intitolerà “E adesso canto io..” Dopo aver fatto cantare loro ora canto io, tantissime curiosità, ma tantissime…         

Ha apprezzato i vincitori di Sanremo di quest’anno?
Sì, i vincitori di Sanremo mi sono piaciuti, ma altri che non hanno vinto faranno tantissimo successo. Un nome per tutti: “La Rappresentante di Lista” con “Ciao ciao”.

Marina Bortolani, @NextStopReggio…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.