Dino Vitola Managment

Gli strani casi di Giusy Ferreri ed Elodie!

292

Le classifiche pesano sul percorso di ogni artista?

Ci sono casi strani nel mondo della musica, soprattutto di questi tempi. Casi in cui un artista che nasce per cantare canzoni d’autore finisce poi per cantare solo tormentoni.

È il caso di Giusy Ferreri. Artista cresciuta ed esplosa con X Factor che ha cercato sin da subito, di ricoprire un ruolo da interprete di livello. Canzoni a Sanremo che spesso son state gradevoli e di buona fattura, con qualche singolo iniziale sparso qua e là, che ha aumentato la figura artistica della Ferreri, penso a LA SCALA, vera e propria chicca musicale.

Ma col passare del tempo le classifiche si sono dimenticate della Ferreri, e così la Giusy anche al Festival di Sanremo non ha più brillato. Il percorso di qualità ha avuto una regressione e allora invece che continuare su questa strada, l’artista ha pensato bene di cambiare totalmente registro.

Con Baby K ha inaugurato la stagione dei tormentoni estivi. Giusy Ferreri non fa più album ma si limita a ritornare solo d’estate e con un tormentone. Succede così da 3 anni.

Stessa cosa sta succedendo per Elodie. Un’altra artista con delle capacità vocali sopra la media, con un’interpretazione unica dei brani ma che, dopo un primo album davvero soddisfacente e con dei singoli di qualità, anche a livello testuale, è finita anche lei nel calderone dei singoli estivi.

NERO BALI, ha segnato per lei un nuovo inizio. Uscita da Amici come la futura migliore interprete italiana, Elodie ha capito forse che alzare i vestitini e cantare canzonette, ripaga di più di una canzone di spessore. E lo scrivo con tristezza in quanto stravedo per lei.

Ma le classifiche pesano più di ogni altra cosa e adesso Elodie vola più in alto ma a che prezzo?

Gli strani casi di Giusy Ferreri ed Elodie: accomunate da grandi doti interpretative ma che, per forza di cose, hanno scelto una strada improntata sul tormentone estivo e radiofonico.

Obbligate dalla discografia o mancanza di personalità?

Davide Beltrano IlFolle

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.